Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca Centri di ricerca Centro interuniversitario di ricerca sull'invecchiamento sano e attivo

Centro interuniversitario di ricerca sull'invecchiamento sano e attivo

(direttore: prof. Sebastiano Porcu)

Denominazione: Centro interuniversitario di ricerca sull'invecchiamento sano e attivo (acronimo CRISA)

Sede: Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo
Polo didattico "Luigi Bertelli" - Contrada Vallebona - 62100 Macerata

Istituzione: D.R. n. 565 del 03/12/2013

Organi:

Direttore: prof. Sebastiano Porcu

Unità di ricerca: Università degli Studi di Bari – Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione; Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro – Dipartimento di Scienze della salute; l’Università di Pisa – Dipartimento di Scienze politiche; Università degli Studi di Salerno – Dipartimento di Medicina e Chirurgia.

Finalità: 1. Le finalità del Centro sono: a) promuovere e coordinare indagini nel campo degli studi sociologici e gerontologici sul processo d’invecchiamento, con particolare riguardo alle tematiche dell’invecchiamento sano ed attivo, nella prospettiva dell’internazionalizzazione della ricerca e della creazione e partecipazione a reti di ricercatori coinvolti in bandi e progetti europei ed internazionali; b) favorire la collaborazione e lo scambio di informazioni e di esperienze tra Centri interuniversitari, Dipartimenti e Centri interdipartimentali delle Università che svolgono attività di ricerca nel campo sopra indicato e altri Centri ed Enti pubblici e privati che operano nel settore, sia in Italia che all’estero; c) stimolare iniziative di divulgazione scientifica e di collaborazione interdisciplinare nell’ambito degli studi sull’invecchiamento, sia a livello nazionale sia a livello internazionale; d) avviare rapporti di collaborazione con Istituzioni ed organizzazioni internazionali esistenti ai fini della promozione e della realizzazione di studi sul settore; e) collaborare, con istituzioni pubbliche ed organizzazioni private, alla realizzazione ed implementazione di progetti di intervento, sperimentazione e ricerca-azione riguardanti: la promozione dell’invecchiamento attivo; la promozione dell’invecchiamento sano; la promozione di campagne di sensibilizzazione per l’invecchiamento sano ed attivo; la promozione del dialogo e della cooperazione tra generazioni; la promozione di una maggiore accessibilità alle ICT da parte della popolazione anziana; il contrasto alle diseguaglianze sociali nell’accesso ai servizi di welfare da parte della popolazione anziana e vecchia; f) costituire banche-dati specializzate di ricerca nel settore; g) organizzare seminari e convegni sulle tematiche di riferimento; h) curare la pubblicazione di studi scientifici del settore.