Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Didattica Corsi di studio Scienze pedagogiche LM-85 Presentazione del Corso

Presentazione del Corso

Il Corso di Studio in Scienze pedagogiche, rivolto agli studenti già in possesso della laurea triennale, intende far acquisire:
- solide conoscenze e competenze nelle scienze pedagogiche e in quelle discipline, come la filosofia, la storia, la psicologia e la sociologia, che da un lato concorrono a inquadrare meglio, a livello concettuale e sistematico, l'azione educativa e, dall'altro, ne favoriscono la realizzazione nei differenti contesti educativi e formativi;
- padronanza della metodologia di ricerca educativa di natura teoretica, storica, empirica e sperimentale, con particolare attenzione alle sue applicazioni nei vari ambienti di formazione;
- conoscenze approfondite dei diversi aspetti della progettazione educativa e delle tecniche relative alla valutazione degli esiti e dell'impatto sociale di progetti e programmi di intervento;
- capacità di offrire orientamenti mirati allo sviluppo completo e armonico della persona e di progettare servizi formativi alla comunità, anche con l'utilizzo di strumenti e strategie di prevenzione, diagnosi e intervento educativo in favore del complesso profilo della devianza, della disabilità e della marginalità.

Percorso didattico

Il Corso di Studio ha due curricula: Pedagogia e scienze umane; Pedagogista della disabilità e della marginalità.

Il primo privilegia lo studio teorico e critico della pedagogia in funzione della sua applicazione nei vari ambiti formativi.
Il secondo privilegia lo studio della pedagogia con particolare riferimento all'handicap e alla marginalità.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti

Pedagogia e scienze umane

Funzione in un contesto di lavoro:
Le funzioni di questa figura di pedagogista sono: individuare i bisogni, generali e specifici, di educazione e formazione a partire da un'analisi accurata del tessuto sociale preso in esame; valutare correttamente le risorse e gli strumenti a disposizione per un intervento educativo in un contesto concreto; giudicare progetti educativi alternativi in riferimento allo stesso ambiente e con gli stessi obiettivi formativi; progettare, realizzare e gestire praticamente e in modo critico un processo educativo. Tutto questo richiede che una simile figura professionale abbia: conoscenze approfondite in scienze dell'educazione e della formazione, didattica, psicologia, antropologia, sociologia; precise competenze nella progettazione educativa (analisi dei bisogni, definizione degli obiettivi generali e specifici, valutazione delle risorse umane, strumentali e strutturali, programmazione, implementazione, monitoraggio) e nel rilevamento dell'impatto sociale dei programmi di intervento.

Sbocchi professionali:
I laureati possono trovare impiego in varie aree occupazionali, svolgendo le funzioni di:
- Coordinatore di servizi educativi;
- Coordinatore di équipe professionali;
- Responsabile/dirigente di organizzazioni educative e formative;
- Esperto nella ricerca educativa e formativa in ambito universitario o di eccellenza;
- Consulente nei servizi della formazione e della comparazione delle ONG e del non-profit;
- Docente di scuola superiore (dopo aver completato la formazione con la SSIS, ora TFA);
- Pedagogista in studi professionali privati, singoli o associati.

Pedagogista della disabilità e della marginalità

Funzione in un contesto di lavoro:
Le funzioni di questa figura di pedagogista sono: progettare percorsi educativi a partire dalle diverse forme di marginalità e disabilità; valutare e coordinare i vari centri e servizi di accoglienza, ospitalità, educazione, rieducazione; collaborare con professionisti come psichiatra, psicoterapeuta, fisiatra, neurologo, ecc., nelle azioni di prevenzione, diagnosi e trattamento terapeutico e formativo nei confronti di soggetti in stato di marginalità, disagio, disabilità. Tutto questo richiede che una simile figura professionale abbia: sicura competenza nella gestione, nel coordinamento e nella valutazione dei servizi educativi e rieducativi; spiccate capacità relazionali con i soggetti in difficoltà e con le loro famiglie.

Sbocchi professionali:
I laureati possono trovare impiego in varie aree occupazionali, svolgendo le funzioni di:
- Pedagogista in centri di accoglienza o comunità di recupero o servizi similari;
- Pedagogista in centri specialistici di riabilitazione;
- Pedagogista nei servizi giudiziari;
- Pedagogista nei servizi sociali;
- Pedagogista, gestore o direttore di servizi per la terza età;
- Coordinatore di servizi educativi;
- Coordinatore di équipe professionali;
- Responsabile/dirigente di organizzazioni educative e formative;
- Esperto nella ricerca educativa e formativa in ambito universitario o di eccellenza;
- Consulente nei servizi della formazione e della comparazione delle ONG e del non-profit;
- Docente di scuola superiore (dopo aver completato la formazione con la SSIS, ora TFA);
- Pedagogista in studi professionali privati, singoli o associati;
- Pedagogista scolastico.


Prosegui verso:

Piano di Studi

Requisiti di accesso

Valutazione e riconoscimento carriere pregresse

Tutorato

Regolamento per il funzionamento del corso di studio